Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Organizzazione Di
Nuove Solidarietà
Home Sostienici Come sostenerci: pregare "Io credo in Dio"

"Io credo in Dio"

"Bisogna aprire entrambe le orecchie, una per ascoltare il popolo, l'altra per capire il Vangelo", diceva Monsignor ANGELELLI, vescovo argentino morto tragicamente durante la dittatura militare.

Alleviare la povertà

Desideriamo alleviare la povertà, e la preghiera è uno degli aiuti più efficaci: è sottintesa alla nostra azione, le conferisce una dimensione universale.

"Io credo in Dio" del pastore Michel Wagner?

Io credo in Dio
Il Signore che è, che era e che viene.
Credo la nostra storia abitata, sollevata, fecondata
Dal Signore vivente.
Nella sua Parola, felice, nuova, Egli mi aspetta,
Nei segni del pane e del vino, Egli mi aspetta,
Nei gesti del prigioniero e dell'emarginato,
Egli mi aspetta... Mi parla, misterioso visitatore,
Il cui soffio di vita mi sferza il volto,
Con i miei fratelli, so che Egli abita il nostro Oggi.

Io credo con tutti gli uomini di ieri
Che prepararono la sua traccia nella storia.
Popolo liberato dalla schiavitù e ammonito dai profeti
Popolo che canta i salmi e impara dai proverbi,
Con le folle palestinesi
E gli apostoli, testimoni della sua voce umana
Io entro in questo lungo corteo che segue il Nazareno
Paolo di Tarso, Francesco d'Assisi, Lutero, Giovanni XXIII
Martin Luther King e tutti gli altri
Che non hanno creduto invano.

Io credo, nel brusio del mondo,
Di sentire i colpi che batte alla porta,
Di distinguere i passi silenziosi di Colui che viene:
Ecco perché, al capezzale dei malati e degli agonizzanti... io prego
Con tutti gli oppressi e i torturati... io grido,
Con tutti gli appassionati... io cerco
e con tutti i lottatori... io milito
Poiché Egli viene! Colui
Che sconfigge tutte le rassegnazioni
E suscita le responsabilità
E il cui progetto fa impallidire tutti i programmi:
Aspetto il Vivente, la cui resurrezione si chiama
Speranza.
Io credo al Signore, Quello di oggi, di ieri e di domani.