Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Organizzazione Di
Nuove Solidarietà
Home Azioni & Progetti Progetti in Bolivia, a Cochabamba, donne alla ricerca della libertà: “Warmi Ñaupajman”.

in Bolivia, a Cochabamba, donne alla ricerca della libertà: “Warmi Ñaupajman”.

Nel centro Vicente Caña, la fondazione sociale URAMANTA lavora con donne con bassa autostima e che non partecipano alla gestione del distretto. I loro diritti non sono rispettati. La loro salute non la considerano importante, così come non considerano importante la salute della loro famiglia, e hanno una formazione educativa molto scarsa.

La popolazione di Cochabamba è fondamentalmente formata da contadini e minatori di etnia “quechua” e “aimara” che cercano una vita migliore. Dovuto alla mancanza di lavoro, si sono visti obbligati ad abbandonare i loro villaggi di origine. Si installano di solito al sud della città e si costruiscono piccole capanne di mattone crudo. Sono privi dei servizi basilari (luce, acqua, trasporto, scuole, centri medici, ecc.).

Gli uomini di solito trovano lavori manuali ma mal pagati.

Le donne lavorano al mercato o rimangono rinchiuse a occuparsi delle faccende domestiche. La maggior parte rimane in casa ad accudire i bambini e a cucinare! Grazie a ciò è possibile accedere a queste donne. La legge di partecipazione popolare approvata nel 1995 ha installato le OTB (Organizzazioni Territoriali di Base) come persone giuridiche, il che consente di accedere a finanziamenti statali. Ma le suddette organizzazioni sono composte fondamentalmente da uomini!

L'obiettivo del progetto è di sensibilizzare e rendere consapevoli le donne nei confronti della loro situazione sociale, allo scopo di ridurre la violenza domestica, migliorare lo sviluppo dei bambini attraverso la loro scolarizzazione e promuovere la loro partecipazione sociale.

 

Il progetto si sviluppa nel Centro Vicente Cañas ed è diretto a 50 donne e a  150 bambini.

Offre:

- laboratori di espressione corporale e artistica, di teatro, lettura e scrittura e un cineforum.
- Corsi di formazione di pronto soccorso, di prevenzione del cancro al seno e al collo dell'utero, ecc.
- Formazione in leadership per prendere la parola all'interno di gruppi, assimilando le tradizioni andine.

Mediante accordi firmati con l'ospedale, centri scolastici, centri di giorno, ecc.

 

Di conseguenza è necessario finanziare la remunerazione della coordinatrice del progetto, e i suoi 30 laboratori, di un assistente sociale per seguire specificamente le donne utenti e quelle incaricate di impartire ogni laboratorio.

Si necessitano: 9.000 €, anche sapendo che il costo complessivo è di 26.236 €.

2 giovani di Grenoble hanno sondato il terreno e dal loro ritorno si sono mobilitati per aiutare il centro ad avviare i progetti, e noi: che possiamo fare?

 

Notizia 1 del progetto