Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Organizzazione Di
Nuove Solidarietà
Home Azioni & Progetti Progetti I bambini della strada di Ciudad Sandino vicina a Managua, capitale del Nicaragua, di 5 a 14 anni

I bambini della strada di Ciudad Sandino vicina a Managua, capitale del Nicaragua, di 5 a 14 anni

sono accolti al centro OTLIYOLOC , per attività di apprendimento, socializzazione e svago, con l'aiuto di un gruppo di giovani alunni del centro San Francisco Javier (centro di Fede e Allegria).

Il centro vuole essere un luogo di accoglienza per I bambini della strada in modo che possano sviluppare le loro abilità intellettuali, affettive e sociali.

ne promuove la scolarizzazione e cerca di prevenirne l'abbandono, poiché questi minori sono stati abbandonati alla loro sorte dalle famiglie in un quartiere in cui regna la violenza. In totale sono 42 di cui 22 bambine.

Attualmente il 74% delle famiglie di Ciudad Sandino vive in uno stato di estrema povertà: con meno di 2 dollari al giorno. La causa principale di ciò è l'assenza di un governo che sviluppi l'economia locale.

C'è pochissimo lavoro e la gente va a Managua a effettuare la vendita ambulante, a vendere tortillas, a guidare motocarri, a separare e selezionare residui nelle discariche, ecc. Una percentuale elevata dei minori lavora in attività rischiose.

 

Si calcola che una famiglia di sei componenti ha bisogno di 2,5 dollari al giorno per persona, ma il salario minimo medio è di 0,85 dollari. La banca mondiale considera che si necessitino 3 salari per poter coprire le necessità basilari di una famiglia. La maggior parte della popolazione vive in situazione di estrema povertà!


Il centro OTLIYOLOC è diretto da un'equipe di coordinamento e da un gruppo di 10 giovani dai 16 ai 18 anni di età, alunni del centro San Francisco Javier, impegnati ad aiutare durante il loro tempo libero, sapendo che Sandino non offre nessuno spazio per vivere i momenti di svago.

Questi giovani si educano educando! Sono formati per prestare attenzione a ogni persona che compone un gruppo, per programmare le attività che miglioreranno le conoscenze educative basilari dei minori e per conosce tecniche e strategie per educarli, affinché imparino giocando, sviluppino la creatività, ecc.

 

Il gruppo si riunisce regolarmente per preparare, analizzare, valutare e programmare nuovi interventi: “Crediamo nel nostro metodo che consiste in educare attraverso un processo. Ci adattiamo alle necessità dei minori”.


Il centro ha aperto una biblioteca e una ludoteca ma non dispone di materiale informatico. Parte dell'aiuto richiesto è per l'acquisto di un computer e una stampante.


E per preparare e celebrare la festa del bambino, una delle feste più importanti, a cui partecipano tutti i giovani e i bambini a uno spettacolo culturale.