Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Organizzazione Di
Nuove Solidarietà
Home Azioni & Progetti Notizie dei progetti INCONTRO CON LE VITTIME DEL TIFONE YOLANDA - Un'esperienza pasquale di morte e di vita
iscriviti alla newsletter
Navigazione
  • Cosa sentiamo davanti a un disegno?

    05
    mars
    2018

    Lo guardiamo? Che desiderio ci provoca? Ci sentiamo vicini a quei bambini? A entrambi? O con qualche preferenza? Che possiamo dirgli?

INCONTRO CON LE VITTIME DEL TIFONE YOLANDA - Un'esperienza pasquale di morte e di vita

A nome delle vittime del tifone Yolanda, noi - Trang, ODN e Lucero Marquez, ODN - desideriamo ringraziarvi per le donazioni ricevute dalla Compagnia di Maria e da tante persone a essa legate.

Ad aprile abbiamo visitato Palo e Tacloban, le città maggiormente colpite dal tifone Yolanda.

Abbiamo fatto un lungo viaggio per arrivare fin là, una notte e un giorno con vari mezzi di locomozione: nave, autobus, jeep e bicicletta.

Innanzitutto abbiamo constatato quanto la natura era stata realmente distrutta.

A livello mondiale, le Filippine sono il paese produttore n° 1 di "copra", la noce di cocco essiccata da cui si estrae l'olio per cucinare, lo shampoo e altri prodotti. I campi di palme da cocco sono stati rasi al suolo. Lo stesso è accaduto con le piantagioni di banani e con altre colture.

Tuttavia, è sorprendente veder risorgere la vita: sui tronchi delle palme spuntavano già alcune foglioline.

Sei mesi sono trascorsi dal passaggio del tifone e le colture - tutte, a poco a poco - battono già al ritmo della vita. I vasti campi di riso sono già verdi e tra poco tempo sarà possibile iniziare la raccolta.

Abbiamo anche potuto vedere in che modo i poveri stanno ricostruendo le loro casette, con un po' di legno e lamiere di zinco.

 

 Arrivati a Tacloban, ci ha assalito la tristezza vedendo così tanto dolore e disperazione.  Praticamente era stato distrutto tutto: scuole, chiese, mercati, istituti governativi,  infrastrutture... Lungo la strada abbiamo potuto vedere case ed edifici con le pareti crollate,  senza tetto... Alcuni in corso di ricostruzione, ma la maggior parte abbandonati. I cavi elettrici  a terra lasciano senza luce tutta la popolazione.

 A Palo, l'arcivescovo Monsignor Du - tramite l'Amministrazione della Cattedrale  Metropolitana  e la Congregazione Religiosa dei Padri Calabresi - è incaricato di un  progetto per la  ricostruzione delle case dei meno abbienti. Le donazioni ricevute dalla  Compagnia e dai suoi  sostenitori sono state destinate a questo progetto.

Insieme ad altre donazioni, permetteranno di ricostruire 40 case.

 

Benché la tristezza e il dolore siano palpabili, ci sono anche molti segni di solidarietà che rendono visibile la presenza di Gesù Risuscitato. La vita è più forte della morte e queste persone lottano, una volta di più, per ricostruire la loro vita e per fronteggiare le necessità quotidiane.

Comunità delle Filippine, 22 aprile 2014